fbpx

La Ferita del Rifiuto e gli archetipi astrologici

La ferita del Rifiuto è una ferita molto profonda che si riattiva nell’infanzia per via del sistema familiare o dell’ambiente domestico, ma in effetti ha origini più antiche.

Si tratta di una ferita che porta la persona a sentirsi respinta in tutto il suo essere e fra le cinque ferite è la prima che si manifesta: l’Anima che torna sulla Terra allo scopo di risolverla di solito vive il rifiuto fin dalla nascita se non addirittura prima.

È il classico esempio del figlio non voluto, o desiderato di sesso diverso. È un filtro che porta la persona a sentirsi rifiutata e respinta anche quando non lo è.

Il mito di Chirone

Si può immediatamente notare l’assonanza con il mito di Chirone, rifiutato e abbandonato alla nascita in quanto deforme e frutto di violenza, non per nulla simbolo astrologico rappresentativo delle ferite karmiche.

E’ molto difficile in realtà collegare in modo netto una ferita animica con una specifica configurazione astrologica, perché non si può mai generalizzare e occorrerebbe verificare il singolo Tema natale nella sua completezza e, soprattutto, ascoltare la persona e il suo vissuto personale.

Tuttavia la ferita del rifiuto risuona in particolare con alcuni archetipi, alcune energie zodiacali bloccate o vissute alle loro ottave inferiori fino a quando la ferita non guarisce.

Ad ogni ferita inoltre corrisponde una maschera che la persona indossa per evitare di soffrire.

La maschera del fuggitivo

La maschera corrispondente alla ferita del rifiuto è quella del Fuggitivo: un corpo striminzito, contratto, che non vuole occupare troppo spazio.

Il Fuggitivo dubita del proprio stesso diritto ad esistere e spesso ha un corpo che appare frammentato, incompleto. A volte ha un incavo nel petto o nel ventre che fa sembrare la persona chiusa su sé stessa: spalle incurvate, braccia aderenti al corpo.

La persona afflitta da questa ferita tende a sfuggire nel suo mondo, o a starsene tra le nuvole, persa nel proprio universo privato.

Si tratta di una persona che, soprattutto nell’infanzia, desidera che qualcuno si accorga che esiste, anche se non crede di averne diritto.

Le corrispondenze astrologiche con la ferita del rifiuto

Astrologicamente questa ferita ha corrispondenze sia con il Segno dei Pesci sia con l’Ariete e le rispettive Case, dodicesima e prima, dove possiamo trovare Chirone, Saturno o anche il Nodo lunare Sud, soprattutto se in aspetto di tensione con altri Pianeti.

Può apparire strana l’associazione con due Segni zodiacali così differenti, tuttavia condivido con voi la riflessione che mi è sorta constatando questa doppia somiglianza: il Segno dell’Ariete è colui che viene ad affermare il proprio diritto ad esistere, combattere, se necessario anche scontentando chi lo circonda.

Proprio ciò che il Fuggitivo non riesce a fare.

Attitudine che richiede grande coraggio e che è probabilmente mancata nel corso delle vite precedenti alle anime con una ferita nell’archetipo Ariete.

Chi ha nel suo Tema natale una simile configurazione coerente con la ferita del rifiuto sente di dover faticare penosamente per essere considerato.

La maschera del Fuggitivo ci porta poi al Segno dei Pesci, come se, non riuscendo ad affermarsi, la persona si rifugiasse nel segno zodiacale precedente, il Segno della alienazione, della fuga dalla realtà, del distacco dalle cose materiali.

Il Fuggitivo cerca la solitudine perché non sa come gestire l’attenzione, addirittura quando ne riceve si sente soffocare, infastidito come se la sua esistenza fosse di troppo: viene considerato un solitario e più si isola più si sente invisibile, escluso, dimenticato.

Non dobbiamo dimenticare però che tutto nasce da una ferita karmica, che è nata in un momento remoto e probabilmente dimenticato in cui è stata la persona stessa ad essersi autorifiutata, dando origine ad un circolo vizioso in cui più si autorifiuta, più ha paura di venire rifiutata.

Le dinamiche karmiche

Una persona con questa ferita continua a sminuirsi, crede di essere sempre peggio degli altri, pensa sempre di disturbare, non osa chiedere e ha paura a dire la propria opinione.

Un’ altra caratteristica del Fuggitivo è la ricerca della perfezione in tutto ciò che fa, poiché crede che se commetterà un errore verrà giudicato e dunque respinto. E questo ci porta ad un altro Segno, quello opposto ai Pesci, ovvero la Vergine.

La ricerca della perfezione può diventare addirittura ossessiva e in tal modo finirà con l’attrarre ancora più situazioni di rifiuto.

La guarigione dalla ferita del rifiuto

La guarigione passa per il coraggio di prendere sempre di più il posto che ti compete, quando osi affermare te stesso, sentendoti comunque a tuo agio se anche qualcuno pare dimenticare la tua esistenza.

Se ti accorgi di essere bloccato dalla ferita del Rifiuto, ti consiglio di guardare il video di approfondimento che trovi sul mio canale Youtube, e iniziare un percorso di guarigione.

Prenota una call con me cliccando qui se vuoi sapere come posso aiutarti, oppure registrati direttamente sulla piattaforma per accedere al percorso, iniziando i tuoi sette giorni di prova gratuita.

Se questo articolo ti è stato utile, iscriviti alla newsletter cliccando qui: https://www.linguaggiodellanima.it/#newsletter

Altri articoli che potrebbero interessarti:

L’Oroscopo karmico del 2024

Come l’ipnosi mi ha aiutato a superare la ferita dell’abbandono

9 passi per superare la paura del giudizio degli altri

Il karma dell’abbandono

Anche l’abbandono può essere karmico

Si sente spesso parlare della “Ruota del Karma”, un destino che si ripresenta in modo circolare nella vita, o per meglio dire di vita in vita finché non viene risolto, e a volte questo può riguardare anche la ferita dell’abbandono.

Ma come funziona il ciclo karmico?

Secondo i maestri tibetani, che dedicano la vita da millenni allo studio di queste tematiche, arriviamo in questa vita non per caso e nemmeno esattamente per scelta consapevole, ma perché il nostro karma e la nostra coscienza decidono dove e quando dobbiamo incarnarci.
Nasciamo in una certa famiglia e in un certo luogo perché quelle sono le le persone e le circostanze più adatte per metterci nella condizione di esaurire il karma accumulato ed evolvere.

Cicli che si ripetono

Ti è mai capitato di dire “non sarò mai come mia madre/padre” e poi ritrovarti ad usare le stesse parole, o rimproverare i tuoi figli per le stesse cose? Oppure di renderti conto che attiri sempre lo stesso tipo di persone a livello di relazione?
A me sì.

Addirittura chi vive la ferita dell’abbandono spesso è attivo nell’andare a ricercare anche a distanza di anni proprio quelle stesse persone che l’hanno abbandonato già una volta, per scoprire poi che nulla è cambiato, e rivivere nuovamente quel ciclo di dolore.

Se ti trovi a sciogliere un karma legato all’abbandono, probabilmente l’hai vissuto sotto diverse forme:

  • abbandoni vissuti e ripetuti dalla famiglia di origine in avanti;
  • abbandonare o essere abbandonati nell’ambito delle relazioni sentimentali;
  • falsare tutta la tua concezione di amore: una sensazione di amore legata alla mancanza, all’assenza;
  • pensare “Mi ama, ma non può esserci per me“, declinato in mille forme diverse e in altrettante relazioni.

Il percorso verso la consapevolezza che chi ama c’è, sempre, è lungo e tortuoso, perché lo riconosci a livello razionale ma poi in profondità giustifichi sempre chi non c’è.

Ma la realtà è una: chi non c’è, ha semplicemente altre priorità rispetto a te. Brutale, lo so.

Hai presente? Quell’amore doloroso che ti scava dentro nell’assenza, tenuto vivo da un messaggio saltuario, da un “vorrei, ma purtroppo…”.

Nel processo di guarigione si arriva ad un certo punto finalmente non a capire, ma a “sentire” che quello che per tutta la vita hai chiamato “Amore”, in realtà non l’Amore non c’entra nulla. Ma nemmeno gli somiglia.
E questa è una nuova consapevolezza incredibilmente liberatoria.

Questo è ovviamente solo un piccolo pezzettino del percorso, una piccola nuova consapevolezza che si aggiunge alla comprensione delle dinamiche di abbandono che chi porta dentro questa ferita mette in atto: perché da vittima è un attimo trasformarsi in carnefice, abbandonare qualcuno per la paradossale paura di essere abbandonati, oppure creare tutte le premesse perché quell’abbandono tanto temuto in effetti si concretizzi.

Un passo alla volta si risolve tutto, ma insieme è meglio.

Chiara

Prenota la lettura karmica del tuo tema natale cliccando qui: https://calendly.com/chiaravanni/letturakarmica

Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornata: https://www.linguaggiodellanima.it/#newsletter

Altri articoli che potrebbero interessarti:

La Ferita del Rifiuto e gli archetipi astrologici

Come l’ipnosi mi ha aiutato a superare la ferita dell’abbandono

Le relazioni tossiche nel tema natale

Smettere di giudicare: ecco 3 motivi per farlo subito

Perché è importante smettere di giudicare?

Quando si lavora su di sé una delle cose più sconvolgenti è iniziare a riconoscere nei propri atteggiamenti, pensieri e comportamenti le cose che abbiamo sempre criticato negli altri.

Nessuno è esente da questo: tutte lo facciamo, più o meno consapevolmente.

Tutte abbiamo un sacco di opinioni su ciò che ci accade intorno, sulle persone, sulle situazioni, da quelle internazionali a quelle che riguardano la nostra vicina di casa, ma soprattutto su noi stesse.

A volte siamo così prese dalla preoccupazione relativa a cosa penserà qualcuno di noi, da non renderci nemmeno conto che quella persona ha tutt’altro per la testa che la nostra piccola situazione.

Ecco quindi 3 motivi per cui smettere di giudicare è sempre una buona idea:

  1. Vivere nel giudizio fa star male: più giudichi più ti senti a tua volta giudicata. Più critichi un certo modo di vestire, una particolare conformazione fisica, un modo di parlare o di essere, più avrai paura di uscire da quello schema che ti sei creata di “giusto e sbagliato” per paura del giudizio altrui. Ti costruisci una gabbia, e ti ci chiudi dentro da sola.
  2. Giudicare le situazioni provoca più dolore: più pensi che ciò che ti accade sia ingiusto, più questo ti provoca ulteriore dolore. Pensaci, se credessi che ciò che ti accade è giusto, non avresti ragione di soffrirne. La tua sofferenza si nutre del tuo giudizio: più percepisci l’ingiustizia, più soffri e più soffri più ti sembra ingiusto. Sei in un circolo vizioso,
  3. Stare nel giudizio alimenta il tuo ego: perché qualcosa che è giusto o sbagliato per te, dovrebbe esserlo in assoluto? Dal punto di osservazione terrestre, dalla terza dimensione, nessuno di noi ha davvero la percezione assoluta di cosa sia giusto e cosa no. L’unica cosa certa è che siamo talmente plasmati dai nostri limitati sensi, dall’educazione ricevuta, dall’esempio delle persone che abbiamo intorno e dalle nostre esperienze passate (e traumi, ferite, ecc.) che davvero nessuno di noi può pensare di avere una risposta “assoluta” e valida per tutti.

Se ti astieni dal giudizio in pratica vivi meglio

Inizia ad osservarti, e noterai che le situazioni che ti provocano maggiore fastidio, o rabbia, o sofferenza, sono quelle nelle quali il giudizio è maggiormente radicato.

Osservati e chiediti “Perché questa persona/situazione mi infastidisce così tanto? come dovrebbe essere, secondo me, per smettere di infastidirmi?”.

Ecco che inizi a mettere a fuoco il tuo giudizio.

Vado ancora oltre: se giudichi negativamente una persona, attenzione a cosa ti sta specchiando di te. Perché ti infastidisce? Probabilmente ti sta mostrando qualcosa di te che non ti piace. Di nuovo, che giudichi negativamente.

Prova a pensarci, e non giudicarti quando scopri che è vero!

Il primo passo è sempre quello di osservarsi con attenzione e portare alla luce della consapevolezza gli aspetti più nascosti.

Chiara

 

Prenota la lettura karmica del tuo tema natale cliccando qui: https://calendly.com/chiaravanni/letturakarmica

Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato: https://www.linguaggiodellanima.it/#newsletter

Altri articoli che potrebbero interessarti:

9 passi per superare la paura del giudizio degli altri